Dante è il poeta più conosciuto al mondo e la Divina Commedia ha sicuramente influenzato la fantasia di ogni generazione venuta dopo di essa. L’opera del Sommo Poeta resiste allo spazio ed al tempo, vivendo tutt’ora nel nostro presente. Un’opera eccezionale che riesce ancora oggi ad accomunarci tutti, parlandoci delle nostre paure, dei nostri sentimenti e delle nostre imperfezioni, un’opera universale ed universalmente riconosciuta. Marco Miccoli di Bonobolabo , in compartecipazione con il Comune di Ravenna, ha ideato un progetto a scadenza annuale interamente dedicato a Dante Alighieri e alla Divina Commedia, che terminerà nel 2021, settimo centenario dalla morte del poeta.

La mostra collettiva “Uno, nessuno e centomila volti” presso la Biblioteca Oriani in programma per il prossimo settembre (mese in cui l’intera città di Ravenna ricorda il poeta), mira a riunire un gruppo di artisti, diversissimi gli uni dagli altri che, dall’illustrazione al fumetto e alla street art cercheranno di dar vita ad nuova identità del poeta.

Inaugurazione venerdì 7 settembre ore 18:00.

Visitabile dal 7 settembre al 28 ottobre 2018.

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00; il sabato e la domenica dalle 15:00 alle 19:00.

Ingresso gratuito.

GIARDINO

Per tutta la durata della mostra, nei giardini della sede, sarà presente l’imponente scultura realizzata dall’artista Alessandro Turoni dal titolo “La soglia dell’aldilà” raffigurante un cerbero.

LIVE PAINTING

Disegno dal vivo di Seacreative

Disegno dal vivo di Nicola “Rospo” Bustacchini

Video di Gangaproduction